Laura Pausini svela a Sanremo chi è “Marco”

Buona la prima serata del Festival di Sanremo 2016 che ha incassato il quasi 50% di share. La serata è stata allietata dalla presenza di Elton John, Aldo, Giovanni e Giacomo, Maître Gims e Laura Pausini. Quest’ultima si è detta particolarmente emozionata per il ritorno sul palco dell’Ariston, il suo primo trampolino di lancio che le ha dato la possibilità di diventare l’artista di fama internazionale che tutti conosciamo. Bellissima nel suo lungo abito nero e rosa, prima dell’esibizione ha dichiarato: “È una grandissima emozione, questo palco ha cambiato la mia vita. Sono l’unica abitante di Solarolo ad aver vinto il Festival. Quando cerco di spiegare perché ho paura, alcuni non mi credono, ma a me va via la saliva. È un palco particolare: sono venuta a 18 anni inconsapevole, senza sapere cos’è questa cosa qua, ma ora lo so ed è una cosa tosta”.

Il medley di Laura Pausini
Durante la sua esibizione nella prima serata del Festival di Sanremo 2016, Laura Pausini ha riproposto alcuni grandi successi del passato. L’artista ha eseguito un medley composto da “Invece no”, “Strani amori” e “Vivimi”. Carlo Conti, però, aveva in serbo per lei anche una bella sorpresa. La cantante, infatti, ha avuto modo di “duettare” con la versione diciottenne di se stessa nel brano “La solitudine”.

“Marco è stato il mio primo grande amore”
Ma chi è il giovane Marco, protagonista del testo della canzone “La solitudine”? Laura Pausini lo spiegò alcuni anni fa, nel corso di un’intervista rilasciata a Tv, Sorrisi e Canzoni. Ecco quanto dichiarò: “È stato il mio primo grande amore, ma mi ha lasciato nel modo peggiore: ha baciato un’altra davanti a tutti. Quanto ho sofferto! Ho pianto per giorni…Il pezzo doveva chiamarsi “Anna” ma chiesi di modificare il titolo e dedicarla a “Marco”. L’etichetta fu d’accordo. Le parole sono state scritte da persone che non mi conoscevano (Pietro Cremonesi e Federico Cavalli, ndr) ma rispecchiavano esattamente il mio stato d’animo”.

laura pausini
Laura Pausini duetta con la Laura di qualche anno fa

 

Precedente Trofei di caccia: sono troppi in USA Successivo Sugar baby: la nuova frontiera della bella vita