Livia, il dispositivo che ti farà dire addio ai dolori da ciclo

Ogni mese ci risiamo: mal di testa, dolori addominali e alla schiena, gonfiore e per alcune addirittura capogiri diarrea e vomito. Il quesito è sempre lo stesso: usare medicinali oppure no? Da oggi probabilmente non avremmo più bisogno di farci questa domanda grazie a Livia, un piccolo dispositivo che promette un grande miracolo: liberarci dai dolori mestruali! Questo oggetto, che ha la forma e le misure di un piccolo lettore mp3, si ricarica tramite USB ed è disponibile in tanti strepitosi colori, ma soprattutto consente di “spegnere” il dolore da ciclo con un solo click.

Fantascienza? Assolutamente no! Si tratta infatti di un progetto realizzato da una start-up di giovani imprenditori e lanciato nel portale di crowdfunding Indiegogo.com dove ha ottenuto un successo inaspettato raccogliendo circa 71,919 dollari, molto più dei 50,000 necessari per avviare la produzione.

Ma andiamo al sodo: come funziona Livia? Il wearable si basa su un concetto, quello del “gate control”: per non sentire il dolore è necessario tenere i nervi “occupati” trasmettendo loro dei piccoli impulsi. In questo modo il cervello verrà in qualche modo ingannato perché i nervi non gli invieranno il messaggio del dolore derivato dal ciclo. Un oggetto, frutto della tecnologia e dell’ingegno, che promette di risolvere uno dei più grandi problemi di noi donne. In più Livia è anche semplicissimo da usare: ha dimensioni ridotte, colori e forma accattivanti, ma soprattutto può essere indossato comodamente sotto i vestiti. Il dispositivo viene attivato tramite un bottone dopo aver posizionato gli appositi stickers gel in prossimità di alcuni punti critici. A quel punto saranno necessari pochi minuti perché il dolore inizi ad alleviarsi sino a scomparire del tutto.

Come vi abbiamo già spiegato il design di Livia ricorda quello di un lettore MP3 ed è dotato di un ingresso micro USB (nella confezione, in vendita a partire da ottobre, sarà inclusa anche un cavo USB di ricarica). È possibile prenotare Livia tramite il già citato portale al costo di 85 dollari con spedizioni dopo l’estate. Di certo Livia farà la felicità di tantissime donne che ogni mese si trovano a dover “combattere” con il ciclo mestruale e le sue fastidiose conseguenze. Secondo recenti studi una donna su quattro si trova a dover affrontare mestruazioni dolorose, caratterizzate da crampi, tensione addominale, cefalea e mastodinia (dolore al seno). Il 50% solitamente ricorre a medicinali per ovviare a questi fastidi. Un vero e proprio problema che rende moltissime donne stanche e irritabili e che ha persino spinto un’azienda di Bristol a varare il “congedo mestruale”. Bex Baxter, direttrice di Coexist, azienda quasi tutta al femminile, ha infatti istituito qualche tempo fa questo congedo ufficializzato per consentire alle donne di curare questi disagi comodamente a casa, per tornare poi al lavoro meno nervose, più efficienti e creative. Chissà cosa farà ora che questo originale dispositivo è stato lanciato sul mercato e che la sua efficacia è stata comprovata: niente più congedo mestruale e Livia per tutte?

Noi non vediamo l’ora di provarlo per scoprire se funziona davvero!

livia
sembra un lettore mp3 ma è la svolta per molte donne che soffrono di dolori mestruali. Il dispositivo, chiamato Livia, promette miracoli e noi non vediamo l’ora di provarlo
Precedente Ferrero assicura 3 anni di stipendio ai figli di un dipendente morto Successivo Brindisi ad 81 anni la licenza media