Madonna ubriaca e in ritardo sul palco

La cantante Madonna questa volta l’ha fatta grossa. In uno dei suoi ultimi concerti in Kentucky non solo è salita sul palco con quasi tre ore di ritardo ma l’ha fatto vistosamente ubriaca. A documentarlo è una fan che ha postato il video su Youtube dopo che su Twitter si è scatenata la protesta degli appassionati. “Il peggior concerto mai visto”, ha commentato un utente. “Non ricordava nemmeno i testi e le coreografie”, ha scritto un altro.

Dopo le critiche ricevute, la cantante risponde tramite i social. In un post pubblicato sia su Facebook che su Instagram, Madonna si sfoga “Il mio show dura 2 ore e 15 minuti, in cui ballo e canto no stop. A Louisville ho fatto una battuta […]” scrive l’artista.

Ma il post non finisce qui: “È molto interessante vedere come la società continui a trattarmi in modo sessista (se fossi un uomo nessuno avrebbe detto una cosa simile), e continui a prendere tutto ciò che dico in modo letterale! Questo è ciò che accade quando la gente non legge più libri e prende le informazioni solo da TMZ”, scrive ancora, tra le altre cose, la regina del pop.

Quella dello “Yum Center” è solo una delle tappe americane del “Rebel heart tour”, che è passato anche per l’Europa e che si concluderà in Australia.

Quest’ultimo episodio segue a quello dello scorso 15 dicembre, quando, a Manchester, la pop star ha letteralmente insultato i suoi fan che si lamentavano per il ritardo. “Vorrei ringraziarvi per la pazienza. Non amo essere in ritardo ma voialtri stronzi che continuate a lamentarvi dovreste chiudere la vostra bocca”.

Tuttavia non ci turbiamo più di tanto quando si parla di sbronze epocali, basta infatti tornare indietro di pochissimo tempo, al 31 dicembre scorso, per ricordare l’imbarazzante performance di Gianluca Grignani…anche lui ubriaco fradicio sul palco di Bari per il concerto di fine anno con Gigi D’alessio ma che perlomeno ci ha risparmiato qualche insulto gratuito alcoolico.madonna

Precedente Gli alimenti che provocano dipendenza Successivo Apple a Napoli, una scuola per il futuro