Rossetto, curiosità e storia che non conosci

Il rossetto, accessorio indispensabile per una donna, di oggi e anche di ieri, contenente pigmenti, oli, cera, ed emollienti….Tutto qui?
Ma no! Il rossetto ha tutta una storia sua, non è un oggetto qualunque. Da sempre usato per colorare labbra, con scopi diversi secondo le mode dei secoli:
rossetto

Gli Egiziani, uomini e donne, si tingevano regolarmente le labbra mescolando ossido salino di piombo, ocra, arancione con del grasso animale- Cleopatra ne utilizzava uno ricavato dai pigmenti dei coleotteri e delle formiche. Le donne greche invece preferivano le tonalità marroni, ottenute da polveri argillose.
Nella Roma imperiale il rossetto veniva messo anche alle statue degli Dei durante le celebrazioni religiose; in quel caso si usava il minio, mentre gli umani preferivano avvelenarsi col “fucus” e il “purpurissimum” ottenuti dal solfuro di mercurio detto cinabro.
Dal IX al XIV sec. l’uso del rossetto venne condannato dalle persone perbene et morigerate, e infatti le labbra ultra rosse divennero simbolo di dissoluto meretricio; […]

 Nel XVI secolo, il rossetto, cominciò ad acquisire popolarità , durante il regno di Elisabetta I d’Inghilterra. All’epoca veniva ricavato dalla cera d’api.

Nel XVII apparve il primo “bastoncino”; una pasta semisolida a base di terra rossa (“terra di Parigi”) appiccicata su un legnetto e seccata al sole; Fu allora, proprio grazie alla forma, che il rossetto venne usato per la prima volta come modificatore della forma della bocca secondo i dettami della moda;

Nel ‘700 dame e cicisbei sfoggiavano labbra minuscole e tinte col carminio; ma nell’800 vi fu un improvviso ritorno alla morigeratezza feudale: le donne per bene erano solo quelle che mostravano labbra rigorosamente esangui.
Ai primi del ‘900 si trovò una via di mezzo; rossetto sì, ma solo su bocche rigorosamente sposate o che avessero superato la trentina.
Nel 1910 Roger & Gallet produssero il primo stick da labbra contenuto in un cilindretto di cartoncino e spinto fuori da uno stantuffo; il portarossetto in plastica o metallo, quello che conosciamo noi, fu inventato nel 1915 dall’americano Maurice Levy.
Durante la seconda guerra mondiale, il rossetto diventò particolarmente celebre, perchè veniva particolarmente adoperato nell’industria cinematografica, ed il suo utilizzo si diffuse largamente.
Da allora il rossetto divenne strumento di seduzione solo femminile, schiavo sempre dei capricci della moda.
Precedente The sound of silence di Simon & Garfunkel, compie 50 anni Successivo Notificash, l'app che ti paga per leggere le notifiche

One thought on “Rossetto, curiosità e storia che non conosci

  1. Daniela Lo Presti il said:

    In post molto interessante per un’appassionata di Make Up come me!

I commenti sono chiusi.