Viene curato con metodi omeopatici, il bambino è in fin di vita.

Un bambino di sette anni è in coma all’ospedale Salesi di Ancona: i sui genitori avrebbero tentato di curare un’infezione alle orecchie con metodi omeopatici, ma la malattia si sarebbe aggravata mettendo a repentaglio la vita del piccolo. Il bimbo, è stato trasportato ieri all’ospedale Salesi del capoluogo marchigiano – altamente specializzato in pediatria – dopo le prime cure somministrate ad Urbino. Da tempo autorevoli studi scientifici hanno provato l’assoluta mancanza di effetti curativi dei farmaci omeopatici, mentre non esisterebbero prove sufficienti per sostenere che tali farmaci siano innocui. L’infezione si è diffusa giorno dopo giorno arrivando fino al cervello, circostanza che ha determinato un netto peggioramento delle condizioni del piccolo. Ricoverato a Urbino, è stato sottoposto a una tac che ha rivelato come il pus si fosse esteso fino a lambire le pareti cerebrali. I medici hanno quindi optato per un trasferimento d’urgenza al Salesi, dove è stato operato per ridurre l’ascesso e sottoposto a una cura a base di antibiotici. Dopo l’intervento chirurgico sarà necessario attendere almeno ventiquattro ore per capire l’evoluzione della situazione. Il bambino è ricoverato nel reparto di rianimazione dove lotta tra la vita e la morte ed è in prognosi riservata.

I commenti sono chiusi.